WWF: "L'intervento delle forze dell'ordine inaccettabile nei confronti di cittadini che difendono il proprio territorio "



Il decreto legge, firmato ieri dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano insieme al Presidente del Consiglio e ai Ministri di Finanze e Giustizia per far fronte all'emergenza rifiuti in Campania, ha istituito quattro discariche, due delle quali in aree protette: Serre, presso l'Oasi del WWF di Persano e Terzigno, nel napoletano, all'interno del Parco del Vesuvio.

"Il fatto che l'emergenza rifiuti finisca sempre diventare un problema di ordine pubblico dimostra la scarsa volontà di trovare una vera soluzione, come accaduto in altre parti d'Italia ed Europa.- commenta Fulco Pratesi, presidente del WWF Italia - Oggi, semplicisticamente, si individuano siti per le discariche in aree protette come il Parco del Vesuvio e l'oasi naturalistica di Serre Persano, perché apparentemente 'vuote, libere da intralci'. Ma invece quelle aree sono tutelate con i soldi dei contribuenti e, per quanto riguarda Persano, anche con quelli della nostra Associazione. Non è possibile che ad essere penalizzati siano sempre i cittadini che si comportano bene, conservando un territorio e rispettando le leggi e ad essere premiati quelli che in decine di anni di chiacchere e decine di miliardi spesi  non sono riusciti a risanare situazioni vergognose come quelle dei rifiuti della Campania.

"Ci auguriamo che il vertice convocato dal Presidente della Commissione ambiente del Senato Tommaso Sodano, sia in grado di individuare soluzioni più ragionevoli - conclude Pratesi- perché, siamo sicuri, altre soluzioni devono esistere senza dover ricorrere, come sta succedendo, ad azioni di forza contro inermi cittadini che difendono il loro territorio".

Roma, 12 maggio 2007
Ufficio stampa WWF Italia 
tel. 06 - 84497.377- 328.2392433