[Date Prev][Date Next][Thread Prev][Thread Next][Date Index][Thread Index]

Fwd: Il governo dell'Unione investe in armamenti più della Cdl



http://www.repubblica.it/2006/11/sezioni/economia/conti-pubblici-29/spesa-militare/spesa-militare.html

Per Esercito, Marina e Aeronautica sono previsti 12 miliardi
e 437 milioni. Lettera a Prodi di sedici senatori

Sorpresa tra la selva dei tagli le spese militari si impennano

Il governo dell'Unione investe in armamenti più della Cdl
di CARLO BONINI

DICONO i numeri che in una Finanziaria che a tutti toglie, c'è una voce di
spesa che sale. Quella militare. Cinque punti percentuali in più rispetto
all'ultima legge di bilancio licenziata dal governo di centrodestra. 12
miliardi 437 milioni di euro per Esercito, Marina, Aeronautica. se è vero
che il 72 per cento di questa somma andrà a coprire i "costi del
personale" e dunque la spesa corrente per i salari e il mantenimento dei
193 mila uomini delle nostre forze armate (sono esclusi i costi delle
missioni all'estero, per le quali è prevista un'ulteriore voce di spesa di
1 miliardo di euro).

E' altrettanto vero che, spalmati nel prossimo triennio, altri 4 miliardi
e rotti di euro andranno a finanziare un "Fondo per il sostegno
dell'industria nazionale ad alto contenuto tecnologico". Dove per alto
contenuto tecnologico, si deve leggere "ricerca militare" e per "industria
nazionale" Finmeccanica, azienda per un terzo di proprietà dello Stato,
con un core business che, concentrato nel settore degli armamenti, è
spinto e alimentato da un mercato domestico in cui opera in regime di
sostanziale monopolio.

Nel suo ufficio di Corso Trieste, a Roma, Gianni Alioti, sindacalista
della Fim-Cisl, consumato osservatore dell'industria militare italiana ed
europea, sorride: "Nel paradosso di un governo di sinistra che investe in
armamenti più di quanto non abbia fatto negli ultimi due anni il governo
di destra, mi sembra di intravedere una forma di tardo keynesismo
militare. Per altro non sostenuto dai fatti. Dire che aumentare gli
investimenti in armamenti significa sostenere contemporaneamente i livelli
di occupazione e la ricerca tecnologica significa dimenticare la lezione
di Federico Caffè, che definiva questo tipo di scelta "liberismo spurio"".

Un dato. Tra il 2000 e il 2005, Finmeccanica ha raddoppiato il proprio
fatturato (da 6,7 a 11,4 miliardi di euro). Nello stesso periodo, gli
occupati sono passati da 41 mila a 56 mila. "Non esiste alcun andamento
proporzionale o quantomeno convergente tra crescita dei ricavi e aumento
dell'occupazione - osserva Alioti - Esiste, al contrario, una verità
comune all'intero mercato europeo e mondiale. L'industria della Difesa è
tale che, inevitabilmente, lo sviluppo della tecnologia impone una
riduzione della manodopera. Guardiamo quel che è accaduto a La Spezia, un
distretto industriale storicamente dipendente dall'industria militare. In
quindici anni, gli occupati nell'industria degli armamenti sono passati
dal 40 al 19 per cento della forza lavoro totale".

Sedici senatori dell'Unione hanno scritto una lettera a Prodi. Si legge:
"Caro Presidente, l'Italia è al settimo posto nel mondo come spesa
militare con ingiustificati acquisti di armamenti come la portaerei Cavour
(quasi 1 miliardo di euro, sistema d'arma esclusi), dieci nuove fregate
(3,5 miliardi di euro), 121 caccia eurofighter (oltre 6,5 miliardi di
euro). Da soli rappresentano l'1 per cento del nostro Pil. Ti ricordiamo
che nel programma di governo dell'Unione, ci sono tre riferimenti alla
necessità di politiche di disarmo (pagine 90, 91, 109)". Qui,
evidentemente, il "keynesismo militare" non c'entra. Ma qui, la
discussione politica interna al governo appare questione accantonata.

Giovanni Lorenzo Forcieri, 57 anni, diessino di La Spezia, senatore nelle
ultime quattro legislature, è arrivato sei mesi fa a "Palazzo Marina" come
sottosegretario alla Difesa. Dice: "Con questa Finanziaria non facciamo
altro che riportare la spesa militare al livello del 2004. Prima cioè che
il governo di centrodestra tagliasse di fatto la spesa militare di 2
miliardi e mezzo di euro. Per altro, a fronte degli investimenti che
abbiamo previsto e che servono né più e ne meno che a coprire impegni di
spesa già assunti negli ultimi anni e dunque ad onorare dei debiti già
contratti, la Difesa cederà al demanio beni per circa 4 miliardi di euro
nei prossimi due anni. Come si vede, dunque, il saldo tra entrate e uscite
è in equilibrio. Con il vantaggio di smobilizzare risorse necessarie a
portare avanti un programma di ammodernamento delle nostre forze armate.
E' evidente infatti che non stiamo parlando soltanto di numeri. Se
vogliamo che l'Italia possa efficacemente svolgere il ruolo internazionale
che si è conquistata in questi anni, non possiamo rinunciare a investire
su una forza armata efficiente e moderna".

L'argomento di Forcieri riproduce come un calco recenti considerazioni di
Pierfrancesco Guarguaglini, amministratore delegato di Finmeccanica: "Se
un governo, indipendentemente dal proprio orientamento, vuole portare
avanti una politica internazionale di un certo livello, ha bisogno di una
componente della Difesa efficiente. E nel passato erano stati fatti tagli
notevoli".

Se il problema non è "se" o "quanto" investire in spesa militare, resta
allora il "come". La qualità delle commesse e la loro urgenza. Allo Stato
Maggiore della Difesa non ne parlano volentieri. Frugando nella foresta di
sigle e numeri che battezza pezzi di artiglieria, autoblindo, caccia,
navi, se ne comprende il perché. Si scopre, ad esempio, che, nel maggio
2006, la Direzione Generale per gli Armamenti Terrestri del ministero ha
chiuso con la Oto Melara (Finmeccanica) un accordo di congruità di 310
milioni di euro per la fornitura di 49 veicoli blindati su ruota ("Vbc",
la sigla tecnica. "Freccia" quella da combattimento) le cui torrette
dovranno essere allestite per sistemi di lancio di missili anticarro di
nuova generazione. Missili "Spike", di fabbricazione israeliana. L'arnese
- spiegano gli addetti - è un costosissimo gioiello tecnologico. Di tipo
"intelligente", "spara e dimentica".

Centomila dollari il pezzo, cinque volte il costo del suo omologo di
fabbricazione americana, il "Tow". Missile attualmente in dotazione alle
forze Nato e al nostro esercito, che ne ha pieni gli arsenali. Raccontano
a palazzo Baracchini che le pressioni dell'Esercito sull'ex ministro
Martino per ottenere questa "meraviglia" della tecnica considerata troppo
costosa persino dall'esercito americano siano state robuste. Ma ammettono
anche che il giochino costerà una tombola.

Per ovvie economie di scala (costi di manutenzione e pezzi di ricambio), i
49 veicoli blindati su ruota "Freccia" erano stati concepiti dalla "Oto
Melara" per essere perfettamente fungibili con i loro "gemelli" cingolati,
i "Dardo". Stessi abitacoli, stessa strumentazione, stesse torrette.
Stessi missili anticarro: i "tow". Con la scelta del missile "spike",
addio risparmi. Fabio Mini, ex comandante della forza Nato in Kosovo,
osserva: "Non riesco a capire che senso abbia dotare di armi anticarro
diverse mezzi cingolati e su ruota, che dovrebbero integrarsi sul campo di
battaglia. Così come non capisco che senso abbia dotare di una tecnologia
più avanzata anticarro un mezzo su ruota che, a rigore di logica, non
dovrebbe affrontare in campo aperto mezzi corazzati". Alla "Oto Melara"
concordano. Ma alla "Oto Melara" sanno anche quel che accadrà. Completata
la fornitura dei "Freccia", i "Dardo", le cui consegne sono state appena
ultimate, torneranno nei cantieri per modificare le loro torrette di
lancio. I soldi non saranno un problema.

Come i 650 milioni di euro già impegnati a bilancio per consegnare ai
nostri Stati maggiori, di qui ai prossimi anni, 72 obici semoventi
fabbricati in Germania e assemblati da "Oto Melara" (Pzh, la sigla
tecnica) con cui difendere le nostre frontiere. Cosa debba farsene il
nostro esercito di un numero così consistente di pezzi di artiglieria
immaginati per conflitti di posizione, per scenari di difesa o offesa
lungo linee di fronte profonde un centinaio di chilometri (questo il
raggio di azione dell'obice), Dio solo lo sa. Meglio, solo l'Esercito lo
sa. Ma - sebbene sollecitato - lo Stato maggiore non ha ritenuto di dover
fornire risposte.

Risposte che invece, prima o poi, la Difesa e il governo saranno costretti
a dare sulla nostra partecipazione al più faraonico dei progetti che la
storia dell'aeronautica civile e militare abbia mai conosciuto.
Un'avventura dall'acronimo inglese, Jsf, "Joint Strike Fighter", consorzio
a guida statunitense per la costruzione del cacciabombardiere del futuro
(le consegne del nuovo aereo, battezzato "F35-lightning II", dovrebbero
cominciare nel 2012). La partecipazione italiana al progetto (che ha quali
ulteriori partner Inghilterra, Canada, Danimarca, Norvegia, Olanda,
Australia e Turchia) fu una scelta del governo di centrosinistra (1998,
premier D'Alema). Berlusconi, nei suoi cinque anni a Palazzo Chigi, ne
decise i termini economici, fissando la quota del nostro investimento per
la sola "fase di sviluppo" in 1 miliardo 359 milioni di euro.

Cifra a cui l'Italia dovrà ora sommare altri 11 miliardi di dollari per
l'acquisto dei 131 caccia già ordinati da Aeronautica e Marina. Anche
perché la nostra Difesa non ha scommesso e acquistato soltanto nel
consorzio a guida americana, ma ha investito e comprato anche nel progetto
concorrente europeo, "l'Eurofighter Typhoon" (dove l'Italia è partner di
Gran Bretagna, Germania e Spagna). Ce ne verranno altri 121 caccia. Più o
meno 7 miliardi di euro.

Ce n'è abbastanza per chiedersi se a decidere della qualità e dell'entità
della nostra spesa militare siano i ministri e il parlamento. O non invece
gli stati maggiori. O, ancora, se a portare per mano gli uni e gli altri
non sia l'industria degli armamenti. Per dirla con le parole di un addetto
del settore, "se in Italia il vero ministro della difesa sia Parisi o non
l'amministratore delegato di Finmeccanica Guarguaglini". Un fatto è certo.
Negli anni, i capi di Stato maggiore delle nostre tre forze armate hanno
tolto l'uniforme per entrare senza soluzione di continuità nel top
management delle società di Finmeccanica. Una legge dello Stato lo
vieterebbe. Aggirarla è diventata una prassi. E' successo con il generale
Mario Arpino (da capo di stato maggiore della Difesa alla "Vitrociset"),
con l'ammiraglio Guido Venturoni (da capo di stato maggiore della Difesa
alla "Marconi"), con il generale Giulio Fraticelli (da capo di stato
maggiore dell'Esercito alla "Oto Melara"), con il generale Sandro
Ferracuti (da capo di stato maggiore dell'Aeronautica alla Ams). Gli
impegni di spesa con Finmeccanica che questa e le prossime finanziarie
andranno ad onorare portano anche le loro firme. Da generali, naturalmente.

(14 novembre 2006)